Lifestyle

Yankee Candle tips and tricks: tutto ciò che devi sapere

Sono passati già tre anni da quando vi ho svelato tutti i trucchi utili per utilizzare al meglio i vostri bruciatori (qui) ma, se qualcuno nel frattempo ha cambiato passioni io no di certo; il mio amore incondizionato per le candele è ancora lo stesso e, se vogliamo dirla tutta, ora come ora sto letteralmente riempiendo casa di candele profumate… ma sono sicura di non essere l’unica!

Generalmente si pensa che la durata di una candela sia determinata dalla quantità di cera eppure nel dépliant “Guida alla cura delle candele, consigli e suggerimenti” fornito dai rivenditori di Yankee Candle c’è scritto che, per esempio, una giara media da 411 g dovrebbe durare tra le 65 e le 90 ore; ma se i grammi sono fissi, come mai lasciano un divario così ampio? 

20170320_113330

Tutto dipende dal modo in cui la candela brucia. E allora cosa possiamo fare noi per utilizzare al massimo i nostri ceri?  Con l’articolo di oggi ho deciso di condividere con voi quattro consigli pratici per sfruttare appieno le vostre candele preferite evitando di sprecare soldi e cera, nel vero senso della parola!

– Come avrete capito dal titolo del post le Yankee Candle sono le mie favorite ma of course questi piccoli suggerimenti valgono anche per altre marche –

ACCORCIARE LO STOPPINO

Man mano che la cera si consuma, il suo livello si abbassa e di conseguenza si “allunga” lo stoppino. Ma uno stoppino lungo significa una fiamma più grande che, oltre a creare fastidioso fumo, farà bruciare più velocemente la candela. E dato che è proprio questo che noi vogliamo evitare, il primo suggerimento che vi do è: ricordarsi, prima di ogni accensione, di accorciare lo stoppino!

Ovviamente per fare ciò l’azienda ha creato un attrezzo apposito ma vi assicuro che potete risparmiare 7,50 € e utilizzare il tagliaunghie, l’importante è che lo stoppino sia lungo al massimo 3 mm

EVITARE CHE SI CREI IL TUNNEL

Avete presente quando accendete una candela che subito attorno allo stoppino si forma un buco? Quello viene chiamato tunnel e, che voi ci crediate o meno, corrisponde a ore di aroma che va perso. Quindi il secondo consiglio che vi do serve per evitare che questo accada: prima di spegnere una candela lasciate sempre che si sciolga completamente il primo strato in modo che la cera si autolivelli senza perdere nulla.

In questo caso le candele che hanno più stoppini (come per esempio la nuova linea quadrata di YC con 2 o 3 lucignoli) sono più avvantaggiate perchè con diverse fonti di calore la cera cola in modo uniforme ma la differenza è poca.

 PROTEGGERE DALL’ARIA

Un’altra causa frequente dello scioglimento errato e quindi della perdita di prodotto è la corrente d’aria. Quando si passa accanto ad una candela accesa, lo spostamento d’aria, fa muovere la fiamma e questo porterà la cera a liquefarsi in modo poco uniforme, lo stesso effetto lo otteniamo anche quando teniamo la candela in stanze con le finestre aperte. Ma c’è una soluzione pure a questo e si chiama Illuma Lid: si tratta di un cappuccio di metallo che, appoggiato sopra il barattolo, riduce appunto gli effetti della corrente d’aria e fa bruciare la candela in modo costante evitando che resti cera attaccata ai bordi.

Il costo si aggira sui 5 euro ma, avendo misura unica sia per la giara media che per quella grande, è sufficiente averne uno in casa da intercambiare man mano che cambiate candela. Come vedete nella seconda foto qui sotto, oltre alla sua utilità, l’Illuma Lid è molto bello anche anche da vedere, soprattutto quando si spengono le luci nella stanza.

UTILIZZARE TUTTA LA CERA

Se siete riusciti a proteggere la vostra candela dall’aria e le avete lasciato il tempo di consumarsi vi accorgerete che ad un paio di centimetri dal fondo questa smetterà di bruciare. Chiunque penserebbe che la sua vita è finita ma noi no, il quarto ed ultimo suggerimento che vi lascio serve proprio a recuperare ancora qualche ora di fragranza: quando il disco di cera rimanente si è solidificato prendete un coltello e fatelo a pezzi. All’interno dei nostri amici bruciatori quegli scarti di candela prenderanno una nuova vita!

IMG_20200419_170143

I consigli per evitare di buttare soldi e cera sono finiti, ma visto che siamo nel bel mezzo dell’epoca del riciclo, in cui veniamo bombardati costantemente da slogan che ci invitano a buttare il meno possibile, anche io mi sento in dovere di suggerirvi di riutilizzare i vasetti che contengono le nostre candele.

Effettivamente, soprattutto le giare Yankee Candle, è un vero peccato buttarle visto che sono capienti, versatili e ben fatte con tanto di coperchio. Sono pratiche in bagno per tenere a portata di mano, ma sempre in ordine, elastici/mollettine e spazzole oppure i dischetti di cotone che usate per struccarvi; potete riutilizzarle in terrazza per piantarci dei graziosi fiorellini; sono comode anche in cucina per tenere in ordine i mestoli, le cialde per la macchina del caffè o, grazie alla loro chiusura ermetica, anche cibi come farina, zucchero, caffè e/o biscotti; 

IMG_20200421_115927

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...