Beauty

Coconut addicted | dentifricio al cocco: commerciale o homemade?

L’altro giorno stavo pensando che da che ho memoria, per un motivo o per un altro, non ho mai acquistato lo stesso dentifricio due volte di fila, finché non mi sono trovata davanti il dentifricio gusto Cocco e Menta. Quest’ultimo, che ovviamente non potevo non sperimentare essendo ossessionata da qualsiasi cosa contenga cocco, da quando l’ho provato in realtà non l’ho più lasciato; ma è davvero ciò che cercavo? Andiamo con ordine.

Il costo è in linea con tutti gli altri venduti nella grande distribuzione, di solito si parla di  circa due euro per 75/80 ml di prodotto, il gusto è molto gradevole e la prima cosa che si nota è la freschezzaL’aroma di cocco non resta dolce e stucchevole come accade con tanti altri prodotti dal profumo tropicale ma, anzi, grazie all’unione con la menta si crea un risultavo piacevole, delicato e per niente invasivo

Ma veniamo ora ai miei dubbi iniziali. Le confezioni dei prodotti contenenti “elementi naturali” elogiano sempre le qualità dei loro componenti, nel caso dell’estratto di cocco per esempio si parla di proprietà purificanti, ma se andiamo poi ad analizzarne effettivamente l’Inci ci rendiamo conto che questi ingredienti si trovano in quantità minime e, di conseguenza, anche i loro benefici si riducono notevolmente. 

20190219_15284220190219_1529061

Quindi, che fare se la profumazione per voi conta solo in modo marginale? Se al primo posto nella scelta del dentifricio mettete i suoi benefici allora mi sento di consigliarvi di provare la versione homemade che potete tranquillamente fare con le vostre manine. Vi occorre mischiare:

3 cucchiai di bicarbonato di sodio
(che previene la formazione di placca, tartaro e carie e aiuta a sbiancare lo smalto dei denti)
2 cucchiai di olio di cocco Bio
(che grazie alle sue proprietà antibatteriche pulisce profondamente bocca e denti e sfiamma le gengive)
8/10 gocce di olio essenziale alla menta 
(che uccide i batteri e lascia la bocca fresca)

In questo modo sarete sicuri al 100% di cosa state introducendo nella vostra bocca e soprattutto avrete la certezza di ottenere il risultato desiderato: denti che recuperano il loro bianco naturale e gengive sane e disinfettate!

Cattura ntujy

Io, oltre a volermi procurare l’olio di cocco Bio per provare la ricetta fatta in casa, stavo anche pensando di seguire il consiglio che la mia dentista mi dà da anni e acquistare uno spazzolino elettrico. Ammetto che finora non avevo mai preso seriamente in considerazione l’idea perchè mi ero autoconvinta che fossero poco pratici da usare ma sbirciando un po’ gli ultimi arrivi in casa Philips mi sono resa conto che erano solo delle fisse mie. Effettivamente ormai esistono modelli leggeri e compatti, comodi anche da portare in giro con le loro custodie in plastica. Oltre al fatto che, lo dicono tutti da sempre, le testine dello spazzolino elettrico agevolano di gran lunga la pulizia permettendo di raggiungere bene tutti gli angoli nascosti tra i denti.

Voi invece usate già lo spazzolino elettrico o come me state passando dal manuale alla tecnologia sonica? Siete riusciti a trovare il dentifricio giusto per voi o siete ancora alla ricerca? Avete qualche ricetta homemade da condividere con noi?

 

| Post in collaborazione con Philips | 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...